Svolta e-commerce, come il settore digitale spinge le vendite anche offline

Gli e-commerce spingono le vendite globali, sembra una frase fatta, ma i dati fanno registrare un costante aumento di questa tendenza. Per snocciolare qualche numero, durante il Luxury Summit 2019, Guia Ricci della Boston Consulting Group, ha presentato una serie di dati interessanti dove, quello che sorprende è come l’online aumenta di circa il 60% gli acquisti complessivi.

Il timore sugli e-commerce, per molte aziende, è che lo store digitale vada ad influenzare negativamente quello offline. Sempre da questi dati emerge come, solo in Europa, l’acquisto online sia del 42%. Il restante 58%, quindi, acquista offline o fa attività di Ropo (research online, purchase offline). Per sillogismo, quindi, creare uno store online di alto livello nel settore del lusso, può solo far aumentare i guadagni, sia sul web che nei punti vendita fisici.

Quella della realizzazione di un e-shop di alto livello, è un’opportunità complessa perché complesso è lo scenario moderno offerto dalla rete. Basta pensare alle nuove politiche sulla privacy, alle normative europee ed alle internet policy, per capire la direzione che non c’è un allontanamento dal negozio fisico, anzi, la rete sta spingendo in direzione opposta, verso un’umanizzazione degli spazi digitali.

Creare e-Commerce User Oriented

Sviluppare un sito e-commerce user oriented dovrebbe essere ormai una pratica assodata, anche se purtroppo, spesso non è così. A volte capita di vedere aziende che pur di commercializzare qualcosa online si accontentano di siti e-commerce abborracciati. Questo perché vedono l’online come un mondo distinto e separato dall’offline. 

Ma un manager di profilo alto non può lasciarsi scappare questa opportunità, non può farsi sedurre dall’idea che il cliente insoddisfatto sulla rete, andrà a verificare dal vivo la qualità e serietà dei punti vendita. Purtroppo, la statistica ci dimostra il contrario. Un utente poco soddisfatto online, difficilmente assocerà il brand ad un valore positivo, anzi si porterà la frustrazione di una pessima navigazione anche quando vedrà l’insegna per strada.

L’e-commerce di oggi è un e-commerce che crea relazioni, una piazza dove incontrare il brand o i prodotti nel momento in cui serve averli a portata di mano. 

Regalare un’emozione

L’online è un mezzo di inclusione, sempre. Immaginate cosa può essere uno store online per una persona disabile. Provate a visualizzare cosa significhi per un individuo impossibilitato a muoversi, la possibilità di avere un negozio d’abiti sartoriali a portata di click. Questa persona potrà sfogliare una galleria nella quale scegliere un capo, proprio come se fosse in una boutique, potrà scartare i prodotti meno adatti alla sua personalità e fantasticare su quelli che gli sembrano più aderenti ai suoi tratti, in quel momento non dovrà preoccuparsi dei suoi problemi di mobilità, perché sa che nel servizio è compresa la spedizione, e vivrà un emozione positiva in relazione al brand.

Un e-commerce inclusivo andrebbe a coinvolgere un mercato di 1,3 miliardi di persone per un potenziale valore di 8 miliardi di euro.

 

e-Commerce fra tecnologia e umanità

Pertanto, i brand vincenti saranno quelli che sapranno trovare l’equilibrio tra la tecnologia e le relazioni umane, quelli che smetteranno di vedere come pericolosi gli e-shop. Ci sarebbero fin troppi esempi di attività che hanno cessato di esistere, anche perché non sono riusciti ad integrare una parte digitale nella loro politica aziendale. Non è più neanche questione di luddismo digitale, qui si parla di non riuscire a cogliere la visione prospettica del business.

L’online non è il futuro, è il presente. Avere un e-commerce, non porta la nostra azienda nel futuro, ma la rende competitiva oggi, nel presente. L’online, ora, è il luogo dove stanno le persone, dove si incontrano, creano relazioni, scambiano idee e commenti. L’online è il posto dove ci si informa, si chiacchiera e si comprano prodotti. Non esiste, né forse è mai esistito, il web dove si trascorre solo il tempo libero, i dati confermano piuttosto il contrario. Il numero degli utenti di internet su scala mondiale è cresciuto di oltre 1,9 miliardi, ovvero di oltre il 75% dal 2014 a oggi. Senza statistiche, basta guardarsi intorno in questo momento in metro o per strada e guardare quante persone hanno il volto piegato sullo schermo, anche voi, se siete arrivati fin qui, ci state leggendo da un dispositivo mobile o da desktop, ma comunque su quel fantastico mezzo di comunicazione che è internet.

Avere uno store online significa esserci. Senza mezzi termini, è come ogni cosa si può decidere di farne parte o meno, solo che molto spesso (e la casistica in questi casi è impietosa) rinunciare al cambiamento vuol dire estinguersi. 

 

Più che una sfida da vincere, un’opportunità da afferrare

Concludendo queste considerazioni su statistiche ed opportunità di  un e-commerce, possiamo dire che quella e-store non è più una sfida da vincere, come forse lo era qualche anno fa. Oggi e-commerce significa prendersi cura dei propri clienti, entrare a far parte di un mercato potenziale con numeri da capogiro, intercettare tendenze e bisogni, fortificare il proprio brand e la propria identità aziendale, ma soprattutto aiutare, tramite un appeal digitale, lo sviluppo e le vendite anche degli store fisici.

 

Cosa possiamo fare per aiutarti:

Noi di C24Web abbiamo una expertise di oltre 15 anni in e-Commerce di successo. I nostri design premiano la user experience e la navigazione degli utenti per uno store digitale d’eccellenza che rifletta il valore del tuo brand.

Scrivici per essere contattato senza impegno da un nostro consulente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest

Shopping on-line: passione italiana

How did they balance being so funny and being such respected artists?” This question was recently posed by a visitor in reference

La rivoluzione digitale dei pagamenti online: Apple,Google e Amazon aprono le frontiere verso i nuovi sistemi di transazione commerciale

How did they balance being so funny and being such respected artists?” This question was recently posed by a visitor in reference

QUANTO COSTA PRODURRE UN E-COMMERCE?

How did they balance being so funny and being such respected artists?” This question was recently posed by a visitor in reference

Digital Marketing Manager: come migliora la tua azienda

How did they balance being so funny and being such respected artists?” This question was recently posed by a visitor in reference

Boom di vendite online. Se hai un e-Commerce questo ti deve interessare

How did they balance being so funny and being such respected artists?” This question was recently posed by a visitor in reference